24/03/2017    17:00:00  
sei qui » NEWS ED EVENTI » DETTAGLIO NEWS 
 Dettaglio news

20-21 OTTOBRE - XII Forum Internazionale dell'Euroregione Aquileiese
20-21 OTTOBRE - XII Forum Internazionale dell'Euroregione Aquileiese Il progetto si avvarrà del patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e del sostegno e collaborazione di:
Università di Udine - Central European Initiative – Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – TurismoFVG - Comune di Udine - Fondazione CRUP – Camera di Commercio di Udine.
Nonostante la caduta della Cortina di Ferro l’Europa si trova più divisa e frantumata che mai. La visione dei Padri fondatori Adenauer, De Gasperi e Schuman appare così bloccata in un muro contro muro fra un’Europa euro-atlantica ed una euro-asiatica. Un barriera che appare sempre più preoccupante e destabilizzante. Emblematiche le dichiarazioni del premier Vladimir Putin alla grande parata di Mosca nel 70° anniversario della vittoria della seconda guerra mondiale: “La scommessa di Hitler è stata una lezione terribile per tutto il mondo, ora la storia ci chiama di nuovo ad essere vigili”. Un Occidente accusato di aver infranto il fondamentale principio del rispetto della sovranità degli Stati con l'attacco militare alla Serbia nel marzo 1999, e di aver persino escogitato la giustificazione della guerra preventiva (George W. Bush) per intervenire militarmente in Iraq (2003). Una guerra durata più di otto anni e sfociata poi in un conflitto civile e tribale terminato, o dovremmo dire proseguito, con lo scatenarsi del fondamentalismo islamico in tutto il medio oriente. In tale contesto l'Europa è senza voce, e quando parla diviene un coro assordante e stonato di provinciali individualismi che non possono che richiamare alla mente, dopo più di vent'anni, la celeberrima battuta di Henry Kissinger, ancora oggi di sferzante attualità: “Chi devo chiamare quando voglio parlare con l'Europa?”. Il ciclone della crisi economica ha fatto il resto. Appare del tutto evidente la necessità di un’Europa, strutturata e decisionista, dall'Atlantico agli Urali, e non un mero apparato strattonato fra l'Atlantico e gli Urali.
Affrontare e riflettere su questi temi significa discutere del nostro futuro, e pare essenziale farlo con le istituzioni politiche, diplomatiche, sociali, economiche e culturali dell’area centro-est europea e balcanica. Una nostra piccola, ma non trascurabile, Cernobbio.



Torna indietro






ARCHIVIO NEWS:



Registrati alla Newsletter per ricevere via e-mail le ultime novità:
Iscriviti
Cancellati


DISCLAIMER PRIVACY CREDITS TOP segreteria@mitteleuropa.it powered by: START2000

Le nostre terre Chi Siamo La rivista Home page Photo gallery Download documenti

English version Mappa del sito Login