English version Mappa del sito Login
29/04/2017    13:26:14  
sei qui » L'ASSOCIAZIONE »Laudis et Honoris Signum 
 Laudis et Honoris Signum


Riconoscimento internazionale, istituito dall’associazione Mitteleuropa nel 2001, per premiare le persone che nella loro vita si sono distinte per egregie qualità ed attività in favore di una rinnovata fratellanza fra i numerosi piccoli Popoli che compongono quel magnifico ed esemplare mosaico europeo che si chiama Mitteleuropa. L'onorificenzaè costituita da una preziosa decorazione in argento ed oro ed accompagnata da una pergamena con iscrizione in latino. Questo intende essere il massimo riconoscimento, a valenza internazionale, che la nostra associazione conferisce ad illustri personalità che, in specifici campi di competenza (arte, economia, musica, politica, diplomazia, letteratura e poesia, azioni umanitarie, etc.), abbiano acquisito alti e particolari meriti in favore dell'ideale sovranazionale mitteleuropeo, operando, secondo i principi ispiratori del nostro statuto, per favorire una forte cooperazione e coesione fra i Popoli europei. In questo senso, riteniamo fermamente che lo spirito di fratellanza e la comune radice culturale maturati in secoli di civile convivenza, possano rappresentare un moderno esempio ed un collaudato modello per un’unione europea ove ognuno di noi possa sentirsi attore.

Il battesimo di questa onorificenza ha avuto testimoni illustri, come altamente illustri sono le prime cinque personalità alle quali è stata conferita: S.E. Jozef Mikloško, Ambasciatore presso il Quirinale della Repubblica Slovacca, già vice-primo ministro della Repubblica Cecoslovacca; S.E. Günther Birbaum, Ambasciatore d'Austria a Budapest, già Ambasciatore presso il Quirinale della Repubblica d'Austria e Console Generale in Trieste; S.E. Dénes Gyapay, già Console Generale d'Ungheria in Milano; S.E. Tomaz Pavšič, già Console di Slovenia in Trieste; S.E. Console Sepp Prugger, già delegato del Governo della Carinzia nei rapporti di collaborazione con la nostra Associazione. Come si evince dai nomi, nostra volontà è stata quella di iniziare con un gesto che attestasse un comune riconoscimento alla Diplomazia. Lavoro sempre umile, spesso poco o nulla conosciuto, ma strategico e di fondamentale importanza in questi ultimi vent'anni proprio per tessere e ripristinare un rapporto costruttivo fra i Paesi centro-europei, come pure fra questi e l'Europa occidentale.

Nel 2002 i premiati furono:
Padre Imre Kozma, l’uomo che, come disse il ministro degli Esteri della Repubblica Federale tedesca nell’attribuirgli la più alta onorificenza della Germania, svelse il primo mattone del muro di Berlino. Fu, infatti, padre Kozma che nell’estate del 1989 diede asilo e sfamò oltre 50.000 profughi della Germania dell’est che, attraverso il varco creatosi nella cortina di ferro fra l’Ungheria e l’Austria, fuggivano verso la Germania libera.

Prof. Leonhard Paulmichl, giornalista, saggista e regista della radio-televisione austriaca, di origini sud-tirolesi. Fondatore del Pen Club Rezia.Il suo messaggio culturale, in favore delle genti ladine ed in genere delle popolazioni minoritarie, ha ottenuto ampi consensi internazionali con svariati premi e riconoscimenti; in particolare uno, a Madrid, per un lungometraggio televisivo dedicato alle minoranze dell’arco alpino, da Coira al Friuli. Che inizia proprio dalla nostra Basilica Patriarcale di Aquileja.



Sen. Prof. Enzo Bettiza, giornalista, scrittore, politico d’origine dalmata fra i più competenti e rappresentativi della realtà culturale delle nostre genti, nonché testimone e fedele interprete della civile sofferenza delle stesse.Fondatore, con Indro Montanelli, de “Il Giornale”, inviato del “Corriere della Sera”, Senatore ed europarlamentare; in tutte queste esperienze ha portato le caratteristiche e le “garanzie” dell’intellettuale mitteleuropeo. Nasce a Spalato da famiglia paterna italiana, croata la materna, serba ed ortodossa la balia!

 

Nel 2004, in occasione della “Giornata del Ricordo” della caduta della cortina di ferro, l’importante onorificenza mitteleuropea è stata conferita ai due protagonisti di una delle più belle pagine della storia del XX secolo: Alois Mock e Gyula Horn, nel 1989 ministri degli Affari Esteri rispettivamente di Austria e Ungheria, che, con un paio di cesoie, tagliarono quel filo spinato che cambiò la geografia, la storia e la politica dell’Europa.

Nell’ottobre del 2004, nel corso di un importantissimo convegno che celebrò il trentesimo anniversario di fondazione dell’Associazione, alla presenza di numerosissime autorità e rappresentanze ufficiali di tutte le Chiese cristiane d’Europa, la Laudis et Honoris Signum venne conferita a Sua Eminenza Rev.ma il Cardinale Tomáš Špidlík. Personalità d’ineguagliabile capacità di dialogo con le Chiese cristiane separate. Gesuita d’intensa spiritualità e carisma. Amico e confessore di Sua Santità Giovanni Paolo II. Ceco, anzi Moravo, di nascita ma universale nei valori che sa diffondere. Il conforto della Sua parola ci è stato e ci sarà sempre d’aiuto.

 


DISCLAIMER PRIVACY CREDITS TOP info@mitteleuropa.it powered by: START2000